In Recensioni Deumidificatori Argo
Argo Clima Dry Digit 13 – Recensione

I NOSTRI VOTI

Potenza7.7
Risparmio Energetico9
Capienza Tanica7.5
Silenziosità8
Voto Totale 8.1

COSA CI PIACE
  • Facile da usare
  • Compatto e leggero
  • Avviso riempimento serbatoio
  • Riavvio e sbrinamento automatico
  • Filtro rimuovibile anti-allergeni
  • Controllo elettronico
  • Dotato di timer e umidostato
  • Ventola a due velocità
COSA NON CI PIACE
  • Serbatoio a capienza limitata
  • Timer poco flessibile
SCHEDA TECNICA
  • Marca: Argo
  • Portata: 13 l/24h
  • Consumi: 230 Watt
  • Tanica: 3 Litri
  • Rumore: 43 Db
  • Per stanze fino a: 45 m3
  • Scheda Tecnica Completa

Recensione Argo Dry Digit 13


Design e Qualità Costruttiva

L’Argo Clima Dry Digit 13 è un efficiente deumidificatore portatile, dalle ridotte dimensioni e dal design minimal ma molto curato. Argo lo ha concepito per rimuovere l’umido da qualsiasi tipo di ambiente domestico, sia da cantine e garage con scarso isolamento termico che da stanze più vissute, dove mantenere un’aria asciutta può avere un’immediata ricaduta benefica in termini di qualità della vita.

Utilissimo anche per asciugare rapidamente i panni, l’Argo Clima Dry Digit 13 è compatto e leggero quanto l’esemplare entry-level di questa gamma, il Dry Baby 11, di cui riprende molte caratteristiche, sia per quanto riguarda il design esterno che per l’architettura interna, con un serbatoio rimovibile per la condensa da 3 litri, un filtro per combattere muffa e allergeni ed un’uscita per lo scarico continuo dell’acqua, nel caso si voglia fare a meno del serbatoio.

All’hardware fa da riscontro una buona gamma di funzionalità elettroniche, gestite tramite pannello digitale, tra cui un timer, un umidostato per il monitoraggio del tasso di umidità nell’aria e molte routine automatiche, come l’auto-riavvio in caso di black-out (funzione memory), lo sbrinamento automatico e la segnalazione di serbatoio pieno, con arresto del deumidificatore.

La caratteristica fondamentale dell’Argo Clima Dry Digit 13 rimane però appunto la compattezza e la sua adattabilità in casa, complice un design sobrio e discreto che gli consente di mimetizzarsi bene a prescindere dal tipo di arredamento.

Le dimensioni complessive sono contenute (35,3 x 22,5 x 49,6 cm) e lo è anche il peso (appena 11 kg). A facilitare gli spostamenti e la gestione dell’apparecchio intervengono poi le comode maniglie laterali e le ruote multidirezionali installate nella base. Il cavo è dotato di avvolgibile e non è dunque di intralcio ed anche l’acqua raccolta è molto facile da smaltire. Le opzioni in questo senso sono due: il serbatoio interno da 3 litri, con un’autonomia limitata, e l’uscita esterna per lo scarico continuo, sicuramente consigliabile in caso di uso prolungato o continuo.

Nella parte superiore dell’Argo Clima Dry Digit 13 troviamo invece l’interfaccia di controllo, comodamente accessibile e ricca di funzionalità, anche se rimane abbastanza semplice ed intuitiva da essere padroneggiata dopo una veloce consultazione del manuale utente.

Tramite interfaccia potremo regolare il livello di umidità, settare il timer incorporato e verificare se il deumidificatore sia in modalità sbrinatura o se il serbatoio interno dell’acqua sia ormai pieno. Come detto,  l’Argo Clima Dry Digit 13 dispone anche di un filtro rimovibile, da tenere sempre pulito affinché il dispositivo riesca a purificare l’aria, oltre che a privarla dell’umidità in eccesso.

Prestazioni e Funzionalità

L’Argo Clima Dry Digit 13 garantisce eccellenti prestazioni per la sua fascia di prezzo, a fronte di un consumo energetico tutto sommato ridotto. Il motore è da 230 watt ed è in grado di rimuovere dall’aria fino a 13 litri d’acqua per ciclo di 24 ore, con una temperatura ambientale media di 32 gradi centigradi ed un range operativo tra i 5 e i 35 gradi.

In termini di superficie, l’Argo Clima Dry Digit 13 è ottimizzato per ambienti fino ai 15 metri quadrati, ma può chiaramente funzionare anche in stanze di dimensioni maggiori, pure se con un ridotto livello di efficacia. I controlli sono come detto tramite pannello digitale ma non ci sono impegnativi settaggi in cui doversi cimentare.

La regolazione principale è quella del tasso di umidità desiderato (con un minimo del 35% ed un massimo dell’80%), che è in grado di verificare grazie all’umidostato integrato, un “sensore ambientale” utilizzato per la misurazione relativa della percentuale d’acqua nell’aria.  Questo significa che al mutare delle condizioni ambientali, l’Argo Clima Dry Digit 13 saprà regolarsi da solo per mantenere un livello sempre costante.

Una funzione accessoria ma comunque molto utile è quella del timer, che consente di regolare lo spegnimento automatico del dispositivo ad una distanza di 2 o 4 ore, anche se una finestra temporale di maggiore ampiezza (o aperta a personalizzazioni) sarebbe stata sicuramente più apprezzabile.

La ventola è tra l’altro a velocità variabile e a quella superiore si presta benissimo anche all’asciugatura rapida del bucato, oltre che a sviluppare una potenza maggiore. L’importante è tenere d’occhio il livello di riempimento del serbatoio interno, che con i suoi 3 litri ha un’autonomia limitata. Certo, non si correrà mai il rischio di danni all’Argo Clima Dry Digit 13, visto che i suoi sensori gli permettono di verificare la quantità d’acqua raccolta e spegnere il deumidificatore per evitare fuoriuscite di condensa in eccesso, ma in termini di autonomia operativa la scelta migliore rimane lo scarico esterno continuo, a patto ovviamente che lo specifico ambiente lo consenta.

Rimanendo in tema di funzioni automatiche, segnaliamo anche la funzione memory, che permette all’Argo Clima Dry Digit 13 di riavviarsi ad solo, mantenendo appunto memoria delle impostazioni, anche in seguito ad una prolungata interruzione dell’alimentazione elettrica, come in seguito ad un black-out, assai frequente nel periodo estivo proprio a causa dei molti impianti per il condizionamento e la deumidificazione attivi a ciclo quasi continuo.

Costruito secondo criteri ecologici, l’Argo Clima Dry Digit 13 utilizza refrigerante di tipo R134A, a basso impatto ambientale, ed integra un filtro per ripulire l’aria da pollini, allergeni e muffe (queste ultime tradizionalmente associate a ristagni di umidità), cosa che lo rende adatto anche a famiglie con soggetti a rischio allergia.

Il suo motore, inoltre, è abbastanza silenzioso da non disturbare di giorno ed essere tollerabile anche di notte, in camera da letto, a patto ovviamente che si sia abituati al livello medio di rumorosità di dispositivi come questo e non si abbia il sonno troppo leggero.

Le Nostre Opinioni

L’Argo Clima Dry Digit 13 è un deumidificatore compatto e potente, facilmente collocabile in qualsiasi stanza, come in garage o in cantina.

Dimensioni e peso semplificano sicuramente gli spostamenti frequenti e lo rendono un autentico jolly, pronto ad assecondare gli stili di vita e le abitudini di ognuno. L’integrazione dell’interfaccia estremamente user-friendly, poi, fa si che tutte le funzionalità importanti sia a portata di mano e gestibili con assoluta semplicità, cosa che ci porta a consigliare questo deumidificatore anche a chi abbia in generale poca propensione o dimestichezza con l’elettronica.

Scheda Tecnica Argo Dry Digit 13


  • Umidità asportata (l/24h) 13
  • Portata d’aria (m3/h) 115/100
  • Temperatura di riferimento (C°) 32
  • Umidità relativa di riferimento (%) 80
  • Capacità della tanica (l) 3
  • Tipo di refrigerante utilizzato R134a
  • Limiti di funzionamento (C°) 5-35
  • Tensione di alimentazione (V/F/Hz) 220-240/1/50
  • Potenza assorbita (W) 230
  • Pressione sonora (Db) 43/41
  • Dimensioni (Alt./Largh./Pro.MM) 496/353/225
  • Peso netto (KG) 11


Argo Clima Dry Digit 13 – Recensione ultima modifica: da Staff DeumidificatoreTop

Ti potrebbero Interessare anche:

Staff DeumidificatoreTop

Esperti e appassionati del settore elettrodomestici, in questo sito dedicato ci occupiamo di pubblicare le nostre Guide all’Acquisto, Recensioni dettagliate con Test, Voti e Classifiche per ogni prodotto che riguarda il settore clima e ambiente, come i Deumidificatori, i Condizionatori ed infine i Ventilatori.

Lascia un Commento

Diventa il primo a commentare

Notificami
avatar
wpDiscuz