In Recensioni Deumidificatori Ariston
Ariston Deos 21s – Recensione

I NOSTRI VOTI

Potenza8.1
Risparmio Energetico8.9
Capienza Tanica7.6
Silenziosità8.1
Voto Totale 8.2

COSA CI PIACE
  • Funzione super lavanderia
  • Timer a 24 ore
  • Ventilazione turbo
  • Avviso riempimento serbatoio
  • Riavvio e sbrinamento automatico
  • Filtro HEPA con self clean
  • Funzione anti-muffa
  • Controllo elettronico
  • Umidostato regolabile
  • Design elegante
COSA NON CI PIACE
  • Serbatoio a capienza limitata
  • Rumoroso con ventilazione al massimo
SCHEDA TECNICA
  • Marca: Ariston
  • Portata: 21 l/24h
  • Consumi: 395 Watt
  • Tanica: 3.3 Litri
  • Rumore: 41 Db
  • Per stanze fino a: 225 m3
  • Scheda Tecnica Completa

Recensione Ariston Deos 21s


Top di gamma della linea Deos di deumidificatori portatili, l’Ariston Deos 21s è un modello particolarmente ideale per combattere l’umidità tutto l’anno e per contrastarne gli effetti più spiacevoli, come la formazione di muffe e la lentezza nell’asciugare il bucato al chiuso.

Tra le sue funzioni rientrano infatti la modalità “super lavanderia”, per un’asciugatura rapida dei panni, e “purificatore d’aria”, per il filtraggio del flusso d’aria aspirato e la rimozione di elementi potenzialmente nocivi, come polveri ed altri allergeni. L’apposita funzione anti-muffa serve invece a creare un ambiente più sano e a prevenire appunto la formazione di nuove colonie batteriche.

Naturalmente queste sono solo alcune delle caratteristiche dell’Ariston Deos 21s, che con la sua interfaccia digitale touch-sensitive e il design estremamente curato si propone come un modello apprezzabile non solo in termini di prestazioni, ma anche di estetica.

Design e Qualità Costruttiva

L’Ariston Deos 21s si allontana parecchio dagli standard imperanti nel campo dei deumidificatori e cerca di andare oltre il classico aspetto squadrato e lineare della maggior parte degli altri modelli. Certo, si tratta pur sempre di una macchina ispirata soprattutto a criteri di funzionalità e praticità d’uso, ma Ariston ha visibilmente fatto qualche sforzo extra per dare all’Ariston Deos 21s un aspetto complessivamente molto piacevole.

Forse una delle sue caratteristiche più evidenti è l’apprezzabile contrasto cromatico tra il corpo principale della macchina e la copertura superiore, realizzati rispettivamente in plastiche lucide bianche e nere, cosa che già da sola introduce un primo elemento di “distinzione”, soprattutto a confronto del classico “total-white” di altri deumidificatori.

Le plastiche, per rimanere in tema, sono di buona qualità e si nota la stessa cura anche nelle rifiniture e nelle sotto-componenti. Gradevole è anche il design vero e proprio dell’Ariston Deos 21s, che evita l’effetto “scatolone” grazie ai suoi bordi smussati, le forme leggermente curve e l’ottima integrazione di ogni elemento, dalle griglie di uscita/entrata dell’aria al serbatoio interno da 3,3 litri.

Cominciando proprio da quest’ultimo, tra gli aspetti più importanti in un deumidificatore portatile, troviamo il contenitore della condensa in posizione avanzata, nella parte anteriore della macchina. L’intero blocco inferiore, dove si trova il piccolo “oblò” (in realtà un indicatore a vista del livello di riempimento) può essere facilmente rimosso, sia per lo smaltimento dell’acqua raccolta che per i lavaggi periodici per mantenerlo sempre pulito. L’alternativa, ovviamente, è l’uso dello scarico continuo, permesso dalla presenza, nel retro dello chassis, del classico connettore per tubi in PVC.

Il sistema di gestione del flusso d’aria è invece localizzato nella parte superiore dell’Ariston Deos 21s (griglia di uscita) e in quella posteriore (griglia d’entrata), cosa che richiede quindi che il deumidificatore sia collocato sempre ad una certa distanza dalle pareti, per evitare ostruzioni o surriscaldamenti. Sempre posteriormente è presente il filtro HEPA (High Efficiency Particulate Air), rimovibile per la sostituzione e la manutenzione, che assicura la purificazione dell’aria aspirata e la rimozione, come detto in apertura, di elementi allergenici. In questo senso, l’Ariston Deos 21s funge anche da “depuratore”, oltre che da deumidificatore in senso stretto.

Per il trasporto da un ambiente all’altro ci si può avvalere delle ruote installate alla base, peraltro molto discrete e difficili da notare dall’esterno, e delle maniglie laterali, delle rientranze che consentono di afferrare saldamente il deumidificatore e spostarlo con maggior facilità, complici le dimensioni (35 x 51 x 24,5 cm) e il peso (poco più di 12 kg) non eccessivi.

L’interfaccia di controllo dell’Ariston Deos 21s è elettronica e si trova nella parte superiore, in posizione ottimale per consentire un facile accesso ai comandi senza doversi chinare o piegare. Sostanzialmente è costituita da un display retroilluminato in cui campeggia il dato principale, il tasso d’umidità (circondato da indicatori di stato per gli alti settaggi e funzionalità), ed accanto al piccolo schermo una serie di pulsanti touch-sensitive, che governano l’accensione/spegnimento, l’utile timer, il “turbo” per la ventilazione e i vari “mode”, dall’auto-regolazione del deumidificatore in base alla temperatura ambientale alla modalità “continuo” o “super lavanderia”, su cui torneremo a breve.

Sempre su display saranno visualizzati, a seconda dei casi, gli allarmi di blocco e le segnalazioni di diagnostica, tramite apposite icone o codici.

Prestazioni e Funzionalità

In termini di prestazioni e funzionalità, anche l’Ariston Deos 21s punta molto sull’automazione e la gestione “one-touch” di tutte le modalità previste, senza richiedere settaggi troppo complicati tramite pannello elettronico.

Una prima modalità (standard) di accesso alla funzione di deumidificazione, tra l’altro semplicissima, consiste nella regolazione manuale del tasso di umidità relativa di riferimento, tra il 35 e l’80%, con variazioni di +/- 5%. Sarà poi l’umidostato integrato a verificare che i valori impostati vengano rispettati, consentendo la rimozione di fino a 21 litri d’acqua per ciclo di 24 ore.

Un’alternativa più “strutturata” consiste invece nella selezione, sempre tramite tasto “mode”, di una delle altre tre opzioni. La prima è la già citata “super lavanderia”, pensata appositamente per un’efficiente asciugatura dei bucati lasciati al chiuso, come tipico del periodo invernale. In questo caso sarà l’Ariston Deos 21s ad impostare automaticamente la velocità della ventola (per massimizzare il ricircolo d’aria) e l’umidità relativa, basandosi sulla temperatura ambientale rilevata tramite sensore, con un range operativo tra i 5 e i 35 gradi centigradi. Con questo settaggio il deumidificatore rimarrà attivo fino ad un massimo di 10h, un lasso di tempo più che sufficiente per questo tipo di impiego, ma è ovviamente preclusa la possibilità di modificare in manuale velocità e percentuale d’umidità.

Passando alle altre modalità, su “continuo” l’Ariston Deos 21s lavorerà alla massima deumidificazione possibile e senza limiti di tempo (a ciclo continuo, appunto), mentre su “auto” sarà ancora una volta la temperatura ambientale a dettare il livello di umidità target su cui si posizionerà in automatico la macchina, seguendo un semplice set di regole: con temperature sotto i 18 gradi sarà selezionata un umidità relativa del 55%, tra i 18 e i 25 del 50% e sopra i 25 del 45%.

L’Ariston Deos 21s offre in realtà anche una quinta modalità, che riassume in sostanza le funzioni di anti-muffa e purificazione dell’aria negli ambienti con maggiori problemi di umidità. Per “bonificarli” e renderli più salubri per la presenza umana potremo ricorrere al tasto “pure”, che impartirà al deumidificatore l’ordine di regolare da solo velocità della ventola ed ore di funzionamento (fino a un massimo di 4) in relazione al tasso di umidità rilevato, mettendo a frutto la presenza del filtro HEPA anti-particolati ed allergeni.

Sicuramente si tratta di funzionalità molto utili per adattare l’Ariston Deos 21s ad usi e situazioni differenti, ulteriormente arricchite dalla presenza di un timer a 24 ore che consente di programmarne l’accensione e lo spegnimento automatico. Gli intervalli previsti sono di 30 minuti nell’intervallo 0-10 ore, e di 1 ora in quello 10-24, cosa che permette di scegliere la finestra temporale più appropriata alle specifiche esigenze.

Nel complesso, possiamo sicuramente riconoscere all’Ariston Deos 21s una flessibilità tale da permetterne l’utilizzo non solo in ambienti presidiati, dove poter vigilare costantemente sul suo corretto funzionamento, ma anche lasciato a lavorare da solo, in preparazione di stanze che occuperemo successivamente, come ad esempio le camere da letto, nel caso non si voglia dormire con accanto il deumidificatore in funzione. Il livello di rumorosità, infatti, anche se in linea con gli standard (41 dB), potrebbe risultare fastidioso, soprattutto a seconda della soglia di tolleranza individuale.

Al comparto elettronico l’Ariston Deos 21s si affida naturalmente anche per la gestione manuale della velocità di ventilazione (normale o turbo) e per l’auto-diagnostica. In questo secondo campo rientra innanzitutto il monitoraggio del livello di riempimento del serbatoio, che con i suoi 3,3 litri non risulta certo tra i più capienti, tanto da farci consigliare, nel caso si voglia lavorare a ciclo continuo, l’uso dello scarico continuo (il tubo è acquistabile a parte). A serbatoio pieno, la macchina si fermerà da sola e segnalerà il raggiungimento del limite tramite icona su display.

Automatici sono anche il riavvio dell’Ariston Deos 21s in seguito ad un’interruzione della corrente elettrica (come in occasione di un black-out), con mantenimento delle impostazioni, e l’auto-sbrinamento, che evitando formazioni di ghiaccio nel deumidificatore a basse temperature (sotto i 5 gradi il compressore va in arresto di sicurezza) ne riduce sensibilmente i consumi energetici, allungandone allo stesso tempo la vita operativa.

Per il filtro c’è invece la funzione self clean, che si attiva tenendo premuto il pulsante per la ventilazione per più di tre secondi. Il flusso d’aria dovrebbe così ripulire l’HEPA dai materiali accumulati, ma per un trattamento più completo e approfondito la soluzione ottimale rimane una completa rimozione del filtro con relativo lavaggio a parte, da effettuarsi almeno ogni 30 giorni.

Le Nostre Opinioni

L’Ariston Deos 21s è un prodotto complessivamente molto convincente. Questo modello assicura solide prestazioni di base, arricchite da un controllo elettronico ricco di funzionalità accessorie, che però possiamo considerare tali solo di nome, come la modalità “super lavanderia”, l’auto-diagnostica e la programmazione tramite timer a 24 ore.

Tutte hanno un peso non trascurabile nel semplificare sensibilmente  l’utilizzo giorno per giorno di questo deumidificatore, e compensano i pochi limiti di questo esemplare, come la rumorosità in modalità turbo e la capienza non elevatissima del serbatoio interno.

Impossibile, infine, non menzionare ancora una volta il buon comparto estetico, un aspetto che spesso (e a torto) passa in secondo piano quando si ha che fare con questa tipologia d’elettrodomestico. Un deumidificatore portatile ad uso domestico è destinato ad avere un certo impatto, se collocato in ambienti molto “vissuti”, come salotti e camere da letto; le linee morbide e i giochi cromatici dell’Ariston Deos 21s sono quindi più che bene accette, e rappresentano uno standard a cui dovrebbero ispirarsi più modelli.

Scheda Tecnica Ariston Deos 21s


  • Deumidificazione: litri/giorno 21
  • Potenza assorbita: W 395
  • Pressione sonora: dB(A) 41
  • Tipo refrigerante R134A
  • GWP(2) kgCO2 eq. 1300
  • Temperatura di esercizio °C 5/35
  • Capacità tanica litri 3,3
  • Tipologia compressore Rotativo
  • Portata d’aria massima m3/h 225
  • Carica standard refrigerante kg 0,14
  • Dimensioni 31 cm x 51 cm x 24,5 cm
  • Peso kg 12,2


Ariston Deos 21s – Recensione ultima modifica: da Staff DeumidificatoreTop

Ti potrebbero Interessare anche:

Staff DeumidificatoreTop
Esperti e appassionati del settore elettrodomestici, in questo sito dedicato ci occupiamo di pubblicare le nostre Guide all'Acquisto, Recensioni dettagliate con Test, Voti e Classifiche per ogni prodotto che riguarda il settore clima e ambiente, come i Deumidificatori, i Condizionatori ed infine i Ventilatori.

Lascia un Commento

4 Commenti in "Ariston Deos 21s – Recensione"

Notificami
avatar
Ordina per:   i più recenti | i più vecchi | i più votati
Danilo

Salve ho appena acquistato il deumidificatore ariston 21s, ma dalle istruzioni non riesco a capire come funziona nel dettaglio. In particolare, se monto il filtro hepa, mi pompa aria unicamente nella funzione pure, inibendomi ogni altro tasto tranne il timer e il tasto on off…togliendo il filtro, la macchina funziona regolarmente…in pratica, mi confermate che non ha bisogno di alcun filtro per funzionare? Ho montato unicamente la griglia contenitore del filtro, ma senza filtro…richiedo un aiuto in tal senso grazie

Staff DeumidificatoreTop

Ciao Danilo, dovrebbe essere tutto normale, utilizzando il filtro si disabilitano le altre funzionalità della macchina.

Se vuoi invece deumidificare e purificare dovrebbe esserci la funzione antimuffa (premendo il tasto Pure per 3 secondi).

Per riassumere:

1: Filtro + Funzione Pure = purificatore aria
2: Filtro + Funzione Pure+Antimuffa = Purificatore + Deumidificatore
3: Senza Filtro = Deumidificatore

Ciao Danilo e Auguri!

Staff DeumidificatoreTop

Ciao Ermanno, nessun malfunzionamento, questo è un punto su cui forse Ariston stessa è stata involontariamente poco chiara…la modalità anti-muffa dovrebbe infatti essere una variante di quella “pure” basata sul tasso di umidità rilevata nell’ambiente, quindi dovrebbe prevedere sempre e comunque la temporanea disattivazione della normale deumidificazione!

wpDiscuz