In Recensioni Deumidificatori Olimpia Splendid
Olimpia Splendid Aquaria 16 Thermo – Recensione

I NOSTRI VOTI

Potenza7.9
Risparmio Energetico8.9
Capienza Tanica7.3
Silenziosità8.2
Voto Totale 8.1

COSA CI PIACE
  • Riscaldamento tramite resistenza elettrica
  • Funzione Superdry per il bucato
  • Filtraggio Pure System 3,
  • Filtro HEPA
  • Design molto curato
  • Controllo elettronico
  • Umidostato digitale
  • Avviso riempimento serbatoio
  • Sbrinamento automatico
COSA NON CI PIACE
  • Elevati consumi energetici in modalità riscaldamento
  • Serbatoio a capienza limitata
  • Privo di timer e autospegnimento
  • Ventilazione non regolabile
SCHEDA TECNICA
  • Marca: Olimpia Splendid
  • Portata: 16 l/24h
  • Consumi: 312 Watt
  • Tanica: 1.8 Litri
  • Rumore: 40 Db
  • Per stanze fino a: 140 m3
  • Scheda Tecnica Completa

Recensione Olimpia Splendid Aquaria 16 Thermo


L’Olimpia Splendid Aquaria 16 Thermo è in tutto simile al suo più economico Aquaria 16, di cui riprende il design molto curato, fatto apposta per sposarsi alla perfezione con vari tipi di arredamento domestico. Anche in questo caso siamo davanti ad un deumidificatore portatile con funzionalità molto adatte al periodo invernale, sia per quanto riguarda la deumidificazione ambientale che l’asciugatura dei panni, tra i compiti spesso affidati a questo tipo di elettrodomestico quando fuori piove e non è possibile stendere all’aperto.

L’Olimpia Splendid Aquaria 16 Thermo è infatti dotato sia di una comoda funzionalità SuperDry, utile appunto per una rapida asciugatura del bucato appena uscito dalla lavatrice, che di Pure System 3, un sistema composito di filtri di vario tipo per purificare l’aria, igienizzarla e renderla più respirabile anche durante l’inverno, quando lo smog tende a renderla più pesante.

Design e Qualità Costruttiva

Con la nostra recensione dell’Olimpia Aquaria 16 avevamo già avuto modo di sottolineare come in questa linea di deumidificatori ad uso domestico il design non fosse semplicemente una caratteristica accessoria, ma un elemento qualificante, ed oggi ci troviamo a confermo lo stesso giudizio con questo ottimo Olimpia Aquaria 16 Thermo, variante del modello base con l’aggiunta di una resistenza elettrica da 1000 watt per la produzione di aria calda.

L’aspetto dei due modelli, infatti, è sostanzialmente identico, le differenze a livello di hardware sono tutte nascoste sotto la chassis. Anche in questo caso l’Olimpia Aquaria 16 Thermo è realizzato in plastiche di buona qualità, caratterizzate da un piacevole cromatismo, una combinazione di bianco per il corpo principale e di verde per i dettagli, come il pannello di controllo e il serbatoio. In combinazione con le forme curve e arrotondate, possiamo senz’altro dire che questo modello assume un aspetto molto gradevole e persino “giocattoloso”, tra l’altro firmato dal duo S. Ercoli e A. Garlandini, grazie a cui Olimpia ha vinto degli Award per il miglior design.

Naturalmente tanta attenzione per l’estetica non è fine a sé stessa, ma parte della filosofia di progettazione di questa linea di deumidificatori portatili, che Olimpia ha realizzato soprattutto per uso domestico, immaginandoli in grado di abbinarsi con la maggior discrezione possibile a soggiorni, bagni ed altri ambienti d’uso quotidiano, senza però perdere di vista praticità e funzionalità.

Oltre ad avere un’estetica a metà strada tra gli elettrodomestici di un tempo e quelli più moderni e digitali, con display LCD, l’Olimpia Aquaria 16 Thermo è anche relativamente piccolo (30,5 X 46,4 X 26,1 cm) e leggero (circa 12 kg), tanto da poter essere spostato facilmente da un ambiente all’altro o anche posizionato su superfici rialzate, a seconda della necessità. Il suo telaio incorpora infatti sia delle ruote a scomparsa nella base, in materiale antigraffio per non rigare i pavimenti in legno, che una comoda maniglia baricentrica, che ci sembra uno degli elementi più “evidenti” in fatto di gemellaggio di design e funzionalità pratiche. Con questo robusto supporto potremo infatti distribuire in modo ottimale il peso del deumidificatore durante gli spostamenti, e gestirlo con facilità.

I tocchi di modernità si notano invece nell’interfaccia dell’Olimpia Aquaria 16 Thermo, interamente elettronica e costituita da una piccola pulsantiera con display a cristalli liquidi, tramite cui potremo verificare dati come temperatura, livello d’umidità e stato della macchina (tra cui il segnale serbatoio pieno, l’auto-sbrinamento e l’attivazione della modalità turbo per i panni).

Integrato nello chassis troviamo un sistema molto completo di purificazione, costituito da tre differenti filtri, mirato sia alla raccolta di polvere e pollini che alla lotta delle spore altamente nocive prodotte dalle muffe. Per l’acqua prodotta in fase di deumidificazione c’è invece il serbatoio da 1,8 litri, decisamente piccolo e poco adatto ad un uso prolungato. Realizzato in plastica trasparente, permette di controllarne in tempo reale il livello di riempimento, anche se in molti casi ci troveremo probabilmente ad usare lo scarico continuo tramite tubo, fortunatamente già incluso nel kit base.

Prestazioni e Funzionalità

Come facilmente intuibile dal nome, la funzionalità che più caratterizza l’Olimpia Splendid Aquaria 16 Thermo è l’inclusione di una resistenza da 1000 watt, che rende questo modello ancor più utile nel periodo invernale.

Grazie alla resistenza il deumidificatore può produrre aria calda e dunque combattere più efficacemente l’umido a basse temperature, asciugando velocemente anche il bucato. Questa ci è sembrata infatti una delle funzionalità che Olimpia ha maggiormente enfatizzato, tanto da includere l’apposita modalità SuperDry, che se attivata configura il deumidificatore per produrre a ciclo continuo il massimo livello di deumidificazione, per accorciare i tempi necessari ad asciugare i panni. L’aggiunta dell’aria calda prodotta dalla resistenza interna contribuisce ovviamente ad amplificare questo effetto, ed in più è adatta anche a rendere più miti e accettabili le condizioni ambientali di piccole stanze, come ad esempio i bagni, dove non a caso si tende frequentemente a stendere al chiuso.

In termini di cubatura deumidificabile, l’Olimpia Splendid Aquaria 16 Thermo ha le stesse caratteristiche della sua versione senza resistenza e si attesta dunque sui 120 – 140 metri cubi dichiarati (da intendersi però come massimo forse un po’ “gonfiato”) di volume deumidificabile, con una produzione di fino a 16 litri d’acqua per ciclo di 24 ore, valori più che accettabili per un uso quotidiano.

Un aspetto dolente sono invece i consumi, come prevedibile per un deumidificatore con funzioni di riscaldamento. L’assorbimento energetico standard oscilla infatti tra i 243 e i 312 watt, a seconda della potenza di deumidificazione impostata, ma a questo valore dobbiamo aggiungere quello della resistenza, quando attiva, con una crescita vertiginosa dei watt a cui non sempre potrebbe corrispondere un beneficio proporzionato. In sostanza: ben venga la funzionalità Thermo, purché la si usi solo quando veramente necessario.

Sprovvisto di timer e di velocità di ventilazione regolabili, l’Olimpia Splendid Aquaria 16 Thermo ha però un umidostato regolabile e molte delle funzionalità oggi diffuse in ogni buon deumidificatore, come l’auto-sbrinamento e l’allarme tanica piena. Con quest’ultima si evita che usando il serbatoio interno si produca acqua oltre la sua capienza massima. Raggiunto il limite, il deumidificatore si fermerà da solo per consentirci di svuotarlo.

L’auto-sbrinamento, invece, è utile a basse temperature, quando si rischia che il processo di deumidificazione provochi formazione di ghiaccio all’interno della macchina. Anche in questo caso si verifica l’arresto (del compressore), fino al ripristino della normalità.

L’ultimo aspetto che vale la pena portare in evidenza è quello di cui parlavamo in apertura, il Pure System 3, un nome dietro cui si nascondono in sostanza non uno ma ben tre filtri diversi: un HEPA (High Efficiency Particulate Air), un fotocatalico ed un filtro ai carboni attivi, per un trattamento ad ampio spettro del flusso d’aria.

Le Nostre Opinioni

L’Olimpia Splendid Aquaria 16 Thermo ha un aspetto gradevole, buone prestazioni durante tutto l’anno e funzionalità appositamente introdotte per aumentarne l’utilità durante le stagioni più rigide, come il riscaldamento tramite resistenza e la modalità SuperDry per asciugare al meglio i bucati stesi in ambienti chiusi.

Della resistenza consigliamo un uso oculato per ridurre la portata dei consumi energetici, senz’altro superiori a quelli di modelli sprovvisti di questa funzionalità. Tanto più che per un uso routinario dovrebbe essere più che sufficiente la sola deumidificazione.

Il serbatoio, lo abbiamo detto, è piuttosto piccolo (ma compensato dal kit incluso per lo scarico continuo), mentre il ventaglio di funzionalità elettroniche avrebbe sicuramente potuto essere più ampio ed includere, ad esempio, un timer.

Ottima invece l’inclusione del Pure System, il filtraggio composito che rende questo modello non solo un valido deumidificatore, ma anche un buon strumento di depurazione dell’aria.

Scheda Tecnica Olimpia Splendid Aquaria 16 Thermo


  • Capacità di deumidificazione: 16 l/24h (32°C/82% UR)
  • Capacità tanica: 1.8 l
  • Livello sonoro: 40 db (A)
  • Livello di umidificazione regolabile con umidostato elettronico
  • Allarme tanica piena
  • Scarico in continuo della condensa
  • Dispositivo di sbrinamento
  • Resistenza elettrica 1000W
  • Tanica trasparente: livello acqua visibile
  • Maniglia
  • Volume massimo deumidificabile: 140 m3
  • Portata aria ( max ) m³/h 170
  • Potenza assorbita massima in deumidificazione W 312
  • Peso: 12 kg
  • Dimensioni (Larg. x Alt. x Prof.) mm 305X464X261


Olimpia Splendid Aquaria 16 Thermo – Recensione ultima modifica: da Staff DeumidificatoreTop

Ti potrebbero Interessare anche:

Staff DeumidificatoreTop

Esperti e appassionati del settore elettrodomestici, in questo sito dedicato ci occupiamo di pubblicare le nostre Guide all’Acquisto, Recensioni dettagliate con Test, Voti e Classifiche per ogni prodotto che riguarda il settore clima e ambiente, come i Deumidificatori, i Condizionatori ed infine i Ventilatori.

Lascia un Commento

Diventa il primo a commentare

Notificami
avatar
wpDiscuz