In Recensioni Deumidificatori Trotec
Trotec TTK 69 E – Recensione

I NOSTRI VOTI

Potenza8.1
Risparmio Energetico9
Capienza Tanica7.8
Silenziosità8
Voto Totale 8.2

COSA CI PIACE
  • Funzione asciuga-bucato
  • Modalità notturna
  • Ventilazione a velocità variabile
  • Igrostato regolabile
  • Serbatoio capiente
  • Avviso riempimento serbatoio
  • Sbrinamento automatico
  • Filtro lavabile
  • Buon rapporto qualità/prezzo
COSA NON CI PIACE
  • Modalità silenziosa poco convincente
  • Sprovvisto di controllo a vista del serbatoio
  • Rilevamento umidità un po’ impreciso
  • Timer poco flessibile
  • Aletta ventilazione priva di auto-swing
SCHEDA TECNICA
  • Marca: Trotec
  • Portata: 20 l/24h
  • Consumi: 350 Watt
  • Tanica: 4 Litri
  • Rumore: 43 Db
  • Per stanze fino a: 110 m3
  • Scheda Tecnica Completa

Recensione Trotec TTK 69 E


Il Trotec TTK 69 E è un altro esempio dell’approccio adottato da Trotec per la sua linea HomeComfort, che prende le distanze dai tipici macchinari industriali di questo marchio per offrire modelli più adatti ad un uso domestico e da piccolo ufficio.

Accanto alle normali funzionalità, come la gestione dell’acqua raccolta tramite serbatoio interno o scarico esterno, l’auto-spegnimento in caso di contenitore pieno e lo sbrinamento elettronico a basse temperature, troviamo nel Trotec TTK 69 E anche qualche “optional” non sempre presente in altri esemplari della gamma.

Qualche esempio? Tanto per cominciare una funzione per l’asciugatura della biancheria, ma anche una modalità “silenziosa”, permessa dalla presenza di una ventilazione a velocità variabile, ed infine un timer per gestire in modo più programmato il deumidificatore.

Il Trotec TTK 69 E non è comunque esente da pecche, e come vedremo nel corso della recensione sconta in più di un campo la sua vocazione di alternativa dal buon rapporto qualità/prezzo rispetto a prodotti più costosi di altri marchi.

Design e Qualità Costruttiva

Con il Trotec TTK 69 E il costruttore tedesco conferma il suo approccio all’insegna della funzionalità. Il deumidificatore è realizzato in plastiche di buona qualità ed impreziosito da un design abbastanza curato, ma su tutto dominano appunto la praticità d’utilizzo e una certa attenzione per il contenimento dei costi.

Non a caso abbiamo parlato di plastiche, perché questo è il materiale usato, anche per quelle parti della scocca che all’apparenza potrebbero sembrare metalliche e che in realtà sono solo dotate di rivestimento cromato.

La volontà di realizzare un prodotto non banale è comunque evidente, soprattutto nel modo in cui è stata integrata nella parte alta del Trotec TTK 69 E l’interfaccia di controllo, con un piccolo display retroilluminato in posizione frontale, con indicazione dell’umidità. Tutti i comandi sono collocati poco più in alto e consentono di regolare la velocità della ventola, l’igrostato, il timer e l’on/off. Sono molto sensibili e a volte potrebbe bastare un leggero tocco per attivarli, ma per fortuna c’è una sicura anti-bimbo per ridurre proprio questo rischio.

Per ciascuna funzionalità c’è poi un led ad indicarne lo stato, incluso un paio per lo stato di pulizia del filtro dell’aria e il “water full”, l’avviso di riempimento serbatoio.

Dietro ai controlli, nella parte posteriore del Trotec TTK 69 E, c’è la classica maniglia per il trasporto, e appena sotto di essa l’uscita dell’aria, dotata di un pannello protettivo a controllo elettrico che serve anche a direzionare il flusso in uscita. Il piccolo tocco di classe è che il pannello si apre e chiude da solo accendendo o spegnendo il deumidificatore, ma purtroppo non è dotato di funzione “swing”, quindi per orientarlo dovremo intervenire manualmente.

Sempre all’insegna del risparmio è anche il serbatoio interno per l’acqua, capiente, con i suoi 4 litri, ma anche sprovvisto di oblò per il controllo a vista del livello di riempimento, cosa che costringe ad affidarsi interamente al segnalatore automatico di “serbatoio pieno”.

Lo scarico esterno, opzionale, avviene invece tramite sportello laterale, dietro cui troviamo l’allaccio per il tubo in PVC da 14 mm. Trattandosi di un modello sprovvisto di pompa, dovremo ovviamente fare attenzione che il tubo rimanga sempre ben disteso, per evitare intasamenti e riversamenti interni dell’acqua raccolta.

Nella parte frontale del Trotec TTK 69 E c’è invece l’ingresso e il filtraggio dell’aria. Il guscio anteriore si può rimuovere per dare acceso al filtro anti-polvere, che è del tipo lavabile e rigenerabile. La manutenzione del filtro è resa un po’ complicata dal dover far coincidere bene i sei gancetti in plastica di cui è dotato per fissarlo al telaio, ma fortunatamente questa  è un’operazione che non ci troveremo a compiere molto spesso.

Prestazioni e Funzionalità

Con una portata massima di 20 litri per ciclo di 24 ore ed una superficie gestibile nell’ordine dei 45 metri quadrati (equivalenti a circa 110 metri cubi), il Trotec TTK 69 E si rivela, come già anticipato in apertura, un modello ad uso prevalentemente domestico.

Lo conferma anche la presenza della ventilazione a velocità variabile, che prevede tre valori: massimo, intermedio e minimo, quest’ultimo usato anche quando si vuole attivare la “modalità notturna”, che altro non è che appunto la deumidificazione abbinata alla minima velocità di ventilazione possibile. In realtà, su tutte e tre le posizioni, il Trotec TTK 69 E non è silenziosissimo, quindi la possibilità di usarlo davvero di notte, in camera da letto, dipenderà molto da fattori soggettivi.

Alle funzionalità base avevamo già accennato e non riservano particolari sorprese rispetto alla media. L’allarme riempimento manda il deumidificatore in arresto automatico per prevenire straripamenti, mentre l’auto-sbrinamento blocca temporaneamente il compressore per evitare che, a basse temperature (il range operativo è di 5-35 gradi centigradi) si formi del ghiaccio con relativi danni alla componentistica interna.

Il Trotec TTK 69 E offre anche un minimo di diagnostica per il filtro, segnalando con LED la necessità di pulirlo, ed ha anche il classico riavvio automatico in seguito a black-out, con memoria delle impostazioni che gli avevamo dato prima che si interrompesse la corrente.

Tutte le altre funzionalità ci portano invece a parlare dell’igrostato elettronico regolabile, integrato in questo modello. Usandolo potremo innanzitutto accedere alla modalità “smart”, vale a dire il funzionamento in automatico, con impostazione da parte nostra di un valore di riferimento per il tasso d’umidità, tra il 30 e l’80%, con incrementi di 10. Al di sotto di esso il Trotec TTK 69 E si spegnerà, per riattivarsi nel caso venga di nuovo superato.

In “modalità continua” il Trotec TTK 69 E funzionerà invece senza interruzioni e potremo intervenire solo sulla velocità della ventola. Scegliendo infine la funzione “asciuga-biancheria” la deumidificazione sarà sempre continua e non regolabile e la ventilazione sarà impostata di default al massimo. Tutte queste opzioni risentono di un limite comune, riscontrato da più di un utente: la scarsa precisione del rilevamento del livello d’umidità, che a seconda dei casi potrebbe avere uno scarto anche del 10% rispetto a quello reale.

Nessun problema per il funzionamento in “continuo”, mentre qualche difficoltà potrebbe emergere invece per l’uso in automatico, visto che il Trotec TTK 69 E rischia di non riconoscere d’aver già raggiunto il valore impostato e dunque di rimanere attivo più a lungo.

In chiusura, qualche parola sul timer. Come quello del Trotec TTK 110 HEPA consente l’accensione programmata su un ciclo di 24 ore e la stessa cosa per lo spegnimento, che però, per essere pianificato, ha bisogno che il deumidificatore sia attivo, richiedendo dunque la nostra presenza.

Le Nostre Opinioni

Il Trotec TTK 69 E si propone sul mercato con il consueto prezzo competitivo rispetto ad altri modelli analoghi, un vero e proprio tratto distintivo, vero in generale per tutta la gamma HomeComfort.

Naturalmente non tutto quello che luccica è oro, come si suol dire, e infatti anche stavolta riscontriamo quanto evidenziato in altre nostre recensioni dedicate a questo marchio: un compromesso tra qualità, prestazioni e – appunto – prezzo.

Il design del Trotec TTK 69 E è curato e le sue prestazioni sono senz’altro sufficienti per le esigenze di una normale utenza domestica, ma gli manca quella “marcia in più” per convincere totalmente.

Si fanno notare, infatti, piccole pecche come l’assenza del controllo a vista del serbatoio e il fatto che l’aletta per l’uscita dell’aria debba essere orientata manualmente. Ma ancor più si sente la mancanza di un sensore per il tasso d’umidità affidabile al 100%, cosa che speriamo Trotec corregga in futuro, per rendere questa gamma di deumidificatori ancora più appetibile, a prescindere dal prezzo.

Scheda Tecnica Trotec TTK 69 E


  • Capacità di deumidificazione max./24h: 20 litri
  • Intervallo di lavoro – Temperatura: 5°-35°C
  • Intervallo di lavoro – Umidità: da 30 a 80 % u.r.
  • Adatto per ambienti con superfici di max 45 m²
  • Adatto per ambienti con un volume di max. 110 m³
  • Portata d’aria: 130 m³/h
  • Sbrinamento automatico: elettronico
  • Tensione di connessione: 230V (50Hz)
  • Consumo max.: 0,35 kW
  • Protezione consigliata: 10 A
  • Vaschetta dell’acqua (valore di spegnimento): 4 litri
  • Livello sonoro dB (A): 43
  • Lunghezza: 210 mm
  • Larghezza: 345 mm
  • Altezza: 575 mm
  • Peso: 14 kg


Trotec TTK 69 E – Recensione ultima modifica: da Staff DeumidificatoreTop

Ti potrebbero Interessare anche:

Staff DeumidificatoreTop
Esperti e appassionati del settore elettrodomestici, in questo sito dedicato ci occupiamo di pubblicare le nostre Guide all'Acquisto, Recensioni dettagliate con Test, Voti e Classifiche per ogni prodotto che riguarda il settore clima e ambiente, come i Deumidificatori, i Condizionatori ed infine i Ventilatori.

Lascia un Commento

Diventa il primo a commentare

Notificami
avatar
wpDiscuz